Lo Chef Pietro Leemann nasce a Locarno, in Svizzera, nell’estate del 1961. Sin da piccolo coltiva (in tutti i sensi) l’amore per la terra e la natura, giocando e lavorando con i genitori nell’orto di famiglia.
Nel 1976, folgorato da una bavarese alla vaniglia del grande cuoco ticinese Angelo Conti Rossini, decide di intraprendere quella strada. Si apre per lui un lungo periodo di studio, alla corte di maestri come lo stesso Angelo, Gualtiero Marchesi e Frédy Girardet, dai quali acquisisce i principali fondamenti della grande cucina.
Agli inizi degli anni ’80 si avvicina alla cucina vegetariana ed entra in contatto con in nuovi movimenti ecologisti che stanno gettando le basi per una nuova alimentazione, amica dell’ambiente e della salute delle persone.
Appassionato di filosofia e di mistica decide di partire per l’Oriente dove esplora quelle affascinanti culture, in particolar modo il Buddismo Zen, il Taoismo e il mondo dei Veda. Dopo un percorso introspettivo si scopre vegetariano e tornato in Italia nel 1989, con un gruppo di amici decide di aprire a Milano il proprio ristorante vegetariano gourmet a cui dà un nome fortemente evocativo: “Joia”.
Nel 1996 è stato il primo ristorante vegetariano europeo a essere stato premiato con la prestigiosa stella Michelin. Dopo ventinove anni il Joia è oggi considerato la più importante realtà in Europa nel mondo della cucina verde, etica e sostenibile di cui lo Chef Leemann è indiscusso precursore.
Qualche anno dopo il riconoscimento della guida Michelin, nel 2000 viene insignito del premio Pellegrino Artusi per la qualità e l’originalità della sua cucina e nel 2010 di quello della Città di Fabriano.
Nel 2015 è Chef Ambassador di ExpoMilano.
Nel 2018 riceve il Premio 2018 della Fondazione del Centenario della Banca della Svizzera Italiana, come riconoscimento per i grandi meriti maturati in più di trent’anni di professione in qualità di chef ticinese, che ha scelto l’Italia come patria per realizzare il suo progetto di un’alta cucina vegetariana.
Ha scritto una decina di libri di cucina, di divulgazione di cultura alimentare e filosofia naturale e di ricette, insieme all’amico giornalista Gabriele Eschenazi con cui ha fondato “The Vegetarian Chance”, il primo festival internazionale di cultura e cucina vegetariana, giunto già alla quinta edizione.
Lo Chef Leemann è impegnato in numerosi progetti con aziende ed enti (pubblici e privati) con l’obiettivo di divulgare i precetti per una cucina sana, sostenibile e consapevole.

Translate »